malattie prevenibili

Conoscere, Riconoscere, Prevenire le Malattie

Da quali nemici dobbiamo difendere i nostri bambini?

Pensavate che le cattive compagnie si incontrassero solo a scuola o al parco?
Niente di più sbagliato.
I nemici di tuo figlio sono invisibili ad occhio nudo anche se vivono vicino a noi.
Li siamo andati a trovare e abbiamo cercato di farvi una breve panoramica. Imparare a conoscerli e riconoscerli è il primo passo per salvaguardare la salute dei tuoi cari. Il secondo passo è evitarli, ed esiste un solo modo per farlo: la vaccinazione.

Il metodo più sicuro per proteggere i tuoi bambini e quelli degli altri è uno solo:
VACCINARE I TUOI BAMBINI E TE STESSO.

Scarica la nostra infografica - 1,3 Mb


MORBILLO

Chi è
È un virus, del genere morbillivirus - famiglia dei Paramixovidae.
Come riconoscerlo
Provoca principalmente eruzione cutanea composta da puntini rosso vivo, prima sul viso, e poi su tutto il resto del corpo. I primi sintomi sono simili a quelli di un
raffreddore (tosse secca, naso che cola, congiuntivite) e febbre sempre più alta.
Le complicanze possono essere gravi: nel 30% dei casi richiede ospedalizzazione, nel %5 dei casi causa polmonite, in un caso su 1000 l’encefalite e in un caso ogni 2000 può essere fatale.
Come evitarlo
Vaccino essenziale e raccomandato al 13° - 15° mese; seconda dose al quintosesto anno di età.


TETANO

Chi è
È una malattia non contagiosa causata dalle spore del batterio anaerobico Clostridium tetani presenti nella terra e nella polvere. In caso di ferita queste
possono penetrare nell’organismo e trasformarsi nelle forme vegetative che producono la tossina, che raggiunge il sistema nervoso centrale, causando
contrazioni e spasmi diffusi.
Come riconoscerlo
L’incubazione va dai 3 ai 21 giorni, dopo di che iniziano le contrazioni muscolari, prima dal capo e poi via verso il tronco e gli arti. Altri sintomi includono febbre, sudorazione, tachicardia. L’infezione non dà immunità.
Come evitarlo
Tre dosi di vaccinazione conferiscono una protezione con un’efficacia superiore al 95%. La durata della protezione nel tempo è di almeno 10 anni ed è poi garantita dai richiami.


ROSOLIA

Chi è
È un virus del genere rubivirus - famiglia dei Togaviridae.
Come riconoscerlo
Si manifesta con eruzione cutanea simile a quelle del morbillo o della scarlattina. Di solito benigna per i bambini, diventa pericolosa durante la gravidanza perché
può portare alti rischi per il feto, soprattutto se la madre contrae la malattia nel primo trimestre della gravidanza, quando l’infezione può generare aborto
spontaneo, morte intra-uterina o gravi malformazioni fetali (sindrome della rosolia congenita).
Come evitarlo
Vaccino essenziale e raccomandato al 13° - 15° mese; seconda dose al quintosesto anno di età.


DIFTERITE

Chi è
La difterite è una malattia infettiva acuta e contagiosa, provocata da ceppi tossigeni di Corynebacterium diphtheriae.
Come riconoscerlo
Il batterio produce una potente tossina che può causare una pseudo-membrana ostruttiva del tratto respiratorio superiore o danni al miocardio e di altri tessuti.
Anche con le migliori cure su 100 malati 10 muoiono. Si trasmette da malati o portatori sani per via aerea oppure per contatto con oggetti contaminati.
Come evitarlo
L’immunizzazione è raccomandata al 3°, 5° 11° mese (con l’esavalente) a 6 anni, tra 12-18 anni e successivamente un richiamo ogni 10 anni per tutta la vita.


EPATITE B

Chi è
L’epatite B è causata da un virus a DNA che si chiama HBV.
Come riconoscerlo
Circa un terzo della popolazione mondiale ha contratto HBV e circa una persona su 20 diventa portatrice cronica di HBV. La forma cronica può portare a gravi
patologie come la cirrosi epatica o il cancro al fegato. Si trasmette in diversi modi: per via sessuale, da madre a neonato, attraverso scambi di sangue e per via
parenterale inapparente.
Come evitarlo
Le persone sessualmente attive possono proteggersi utilizzando il preservativo durante i rapporti sessuali. Ma la via principale per proteggere tutte le fasce
della popolazione è la vaccinazione. Il vaccino per HBV è contenuto anche nell’esavalente.


ROTAVIRUS

Chi è
È la causa più comune delle gastroenteriti virali nei neonati e nei bambini sotto i 5 anni, ma colpisce anche oltre. Può provocare
complicanze molto gravi ed essere mortale.
Come riconoscerlo
Si diffonde per via oro-fecale ed ha un’incubazione di circa 2 giorni: provoca febbre, disturbi gastrici, vomito e diarrea acquosa per 3/8 giorni che può provocare una disidratazione anche grave. L’infezione non dà immunità a vita, quindi la si può riprendere più volte in forma più leggera.
Come evitarlo
Esiste un vaccino orale: il ciclo si può effettuare in più dosi a partire dalla sesta settimana di vita fino alla ventiquattresima.


POLIOMIELITE

Chi è
Causata da tre tipi di poliovirus (1, 2 e 3). E’ un enterovirus che infetta solo l’uomo ed esisteva già dal 3700 A.C.; contrariamente a ciò che alcuni pensano, le migliori condizioni igieniche hanno favorito le grandi epidemie della metà del secolo scorso.
Come riconoscerlo
Nel 90% dei casi si manifesta con sintomi aspecifici come febbre, stanchezza, vomito, irrigidimento del collo e dolori articolari. Il virus può diffondersi nel midollo spinale e nel 1% degli infetti causa atrofia muscolare (paralisi flaccida acuta - AFP), irreversibile nella metà dei casi e con una mortalità del 5-10% per paralisi respiratoria. Il contagio è oro-orale e oro-fecale.
Non esiste cura.
Come evitarlo
Il vaccino è per tutti e tre i tipi è a virus inattivati (IPV) e incluso nell’esavalente che si effettua a l 3°, 5° e 11° mese di vita. Dal Maggio 2016 il vaccino non conterrà più la componente per il tipo 2 ormai eradicato. Fino al 2002 veniva anche usato in Italia il vaccino orale - OPV - assieme a IPV.


VARICELLA

Chi è
La varicella è causata dal virus Varicella zoster (VZV), un herpes virus che si trasmette solo da persona a persona ed è molto infettivo (da 1/2 giorni prima
dell’eruzione fino alla caduta delle croste).
Come riconoscerlo
Dopo un’incubazione di 2/3 settimane si ha l’esordio della malattia con rash cutaneo, febbre non elevata, malessere e mal di testa. Per 3/4 giorni compaiono, a
ondate, piccole papule rosa pruriginose su testa, tronco, arti e viso. Queste papule diventano vescicole, poi pustole e infine croste che cadranno da sole in circa 7/10 giorni. È una malattia solitamente benigna che però può avere complicanze anche gravi.
Come evitarlo
L’infezione solitamente produce immunità a vita ma resta nei gangli delle radici nervose spinali e nel 10-20% dei casi si risveglia provocando il Fuoco di
Sant’Antonio. Per evitarlo esiste un vaccino efficace e sicuro, composto dal virus attenuato, che si può fare dal 12° mese di vita.


INFLUENZA

Chi è
Si conoscono 3 tipi di virus influenzali (tipo A, B e C) a RNA, ad altissima variabilità genetica. Il tipo A si suddivide in ulteriori sottotipi (H1N1, H2N2, H3N2, etc.).
Come riconoscerlo
La maggior parte delle persone presenta sintomi non troppo importanti, quali cefalea, artromialgie diffuse, febbre (sindrome influenzale). Nei casi più gravi, può
portare a polmonite interstiziale o a favorire polmoniti batteriche, in particolare da S. aureus. Insieme alla polmonite, è la prima causa di morte infettiva in Italia.
Come evitarlo
È un virus a trasmissione aerea che si diffonde soprattutto nei mesi invernali. La prima misura efficace per ridurre la diffusione del virus è il controllo delle
infezioni: igiene delle mani, utilizzo di fazzoletti monouso e utilizzo della mascherina quando sono presenti sintomi. Oltre a ciò, è importantissima la
vaccinazione antinfluenzale (che protegge dai ceppi più pericolosi), da ripetere ogni anno, per persone appartenenti a “categorie a rischio”.


HPV

Chi è
É un virus a DNA con numerosissimi sottotipi. Infetta le cellule della cute e delle mucose, causando l’insorgenza di iperplasie e displasie.
Come riconoscerlo
Le infezioni da HPV non provocano sintomi. Nella maggior parte dei casi si autorisolvono. Nei casi di infezioni della cute, la diagnosi è piuttosto agevole
(verruche). Nel caso delle infezioni delle mucose, può diventare più difficile: insorgono i condilomi, che non sono sempre ben visibili. Le infezioni da
sottotipi più aggressivi (16, 18, 31…) possono esitare in carcinomi della cervice uterina nella donna, dell’ano e dell’orofaringe in entrambi i sessi.
Come evitarlo
Essendo un virus a trasmissione per contatto cutaneo e sessuale l’utilizzo del preservativo riduce il rischio di trasmissione, ma non lo annulla.
Lo strumento più efficace di prevenzione verso i sierotipi maggiormente pericolosi è il vaccino per HPV, oggi offerto a tutte le ragazze di 11 anni
gratuitamente. Il Pap-test e l’HPV-test restano gli strumenti di screening per la diagnosi precoce del tumore della cervice uterina.


HAEMOPHILUS INFLUENZAE B

Chi è
É un batterio molto diffuso che colpisce solo l’uomo e può causare malattie invasive.
Come riconoscerlo
L’infezione inizia come una malattia che somiglia all’influenza e può risolversi in pochi giorni o evolvere verso forme invasive. La più frequente è la meningite;
seconda in frequenza è la polmonite con febbre alta, tosse con catarro, dolore al petto e respiro corto. Può anche causare una sepsi con febbre con brivido o grave abbassamento della temperatura, respirazione rapida, palpitazioni, confusione ed edema. Più rare sono: epiglottite, artriti e osteomieliti.
Come evitarlo
Il vaccino si somministra con l’esavalente in 3 dosi, al 3°/5°/11-13° mese. È previsto anche un richiamo a 5 anni, soprattutto in caso di malattie della milza,
infezione HIV, neoplasie, trapianto di midollo, anemia falciforme. Non è più indicato dopo i 5 anni.


MENINGITE

Chi è
La Neisseria meningitidis o meningococco di cui esistono vari ceppi è una delle cause più frequenti di meningite e malattie invasive nei bambini e negli adulti.
Come riconoscerlo
Il meningococco è un ospite frequente delle prime vie respiratorie ma i portatori non hanno un rischio maggiore di sviluppare la malattia. Possono però trametterla ad altri attraverso tosse o starnuti. I sintomi classici sono febbre molto alta, mal di testa, vomito, sonnolenza, rigidità del collo e convulsioni ma può evolvere molto più rapidamente delle altre forme ed essere fulminante con coma e morte.
I principali sottotipi coinvolti sono A, B, C, Y e W135 ma in Europa e in Italia, i più frequenti sono i sierogruppi B e C.
Come evitarlo
I vaccini disponibili sono contro il meningococco C, contro il meningococco B e il vaccino tetravalente A, C, W135, Y.


PERTOSSE

Chi è
La pertosse viene causata dal Bordetella pertussis e si trasmette per via aerea.
Come riconoscerlo
Il batterio infetta le vie respiratorie provocando una tosse spasmodica che può durare per diverse settimane. Il rischio di morte, dovuto a crisi di apnea, è più alto per i neonati.
Come evitarlo
L’immunizzazione è raccomandata al 3°, 5°, 11° mese (con l’esavalente) a 6 anni, tra 12-18 anni e successivamente un richiamo ogni 10 anni per tutta la vita.
Vaccinando la madre in gravidanza, si trasferiscono al nascituro gli anticorpi in grado di immunizzarlo fino al primo appuntamento con il vaccino esavalente. Il
vaccino è sicuro in gravidanza.


PAROTITE

Chi è
Un Paramyxovirus che causa tumefazione delle ghiandole salivari, soprattutto le parotidi. Si trasmette solo da persona a persona ed è contagioso da 6 giorni prima dei sintomi fino a 9 giorni dopo.
Come riconoscerlo
Il sintomo più evidente è il gonfiore delle parotidi, con dolore nella masticazione e deglutizione, febbre e malessere. Tra le complicanze: encefaliti, meningiti, pancreatite e danni all’udito (prima causa di sordità infantile acquisita); in età adulta anche orchite (con possibile sterilità) e, se presa nelle prime 12 settimane di gravidanza, aborto spontaneo (25%).
Come evitarlo
Con il vaccino MPR, in due dosi: la prima dopo i 12 mesi (entro i 15) e la seconda verso 5/6 anni. La vaccinazione è comunque consigliata a qualsiasi età e induce la comparsa di anticorpi specifici nel 95% dei vaccinati, dando un’immunità duratura nel tempo.


Fonti (ultimo aggiornamento gennaio 2017):

Epicentro

http://www.epicentro.iss.it/index/MalattieInfettive.asp

VaccinarSì

http://www.vaccinarsi.org/malattie-prevenibili/